Perché Dio distrusse anche gli animali durante il Diluvio (Genesi 6-8)?

Perché Dio distrusse anche gli animali durante il Diluvio (Genesi 6-8)? Risposta



Dio mandò il Diluvio come giudizio sulla malvagità dell'umanità. Ma non sono morti solo gli esseri umani. Anche la maggior parte degli animali è stata spazzata via. Genesi 6:7 afferma: Cancellerò dalla faccia della terra l'uomo che ho creato, l'uomo e gli animali, i rettili e gli uccelli del cielo, perché mi dispiace di averli fatti. Perché Dio ha distrutto la vita animale nel Diluvio, dal momento che non erano colpevoli di peccato?



In primo luogo, va notato che Dio non ha distrutto tutto vita animale. Sull'arca furono posti due animali immondi di ogni specie e sette di ogni animale puro (Genesi 7:1-4). Inoltre, la vita marina non è stata danneggiata. La distruzione includeva animali terrestri e uccelli.





Dio aveva un piano da ricreare. Proprio come Dio aveva creato la vita umana e animale all'inizio dei tempi, così ora avrebbe ricreato la vita umana e animale. Genesi 8 si chiude con gli animali che lasciano l'arca all'inizio di un nuovo mondo. Andarono con il comando di andare avanti e moltiplicarsi (Genesi 8:17).



Possiamo presumere che, in qualche modo, la vita animale sia stata corrotta insieme alla vita umana. Genesi 6:13 afferma: Ho deciso di porre fine a ogni carne, poiché la terra è piena di violenza per causa loro. La frase tutta carne è usata in tutta la narrazione per includere sia la vita umana che quella animale. Come è stata corrotta la vita animale? Questo non è spiegato. Alcuni hanno suggerito l'uso di animali nei sacrifici pagani peccaminosi come motivo. Altri hanno ritenuto che la violenza che riempiva la terra fosse dovuta, in parte, agli animali (questo corrisponderebbe alla teoria dei grandi dinosauri distrutti dal diluvio). Indipendentemente da come gli animali si fossero corrotti, Dio li considerava parte della creazione che doveva essere ricreata.



Un'altra preoccupazione era il benessere di Noè. Forse gli animali terrestri furono distrutti in modo che Noè e la sua famiglia potessero vivere al sicuro dopo essere usciti dall'arca. Otto umani che vivono in un mondo di fauna selvatica incontrollata avrebbero avuto poche possibilità di sopravvivenza, molto probabilmente. Ma con solo gli animali sull'arca, il rapporto tra vita animale e vita umana renderebbe la convivenza molto più sicura. Dio avrebbe potuto scegliere un metodo diverso, ma ha scelto di salvare Noè e la sua famiglia, insieme a una grande barca di animali, per ricominciare la vita sulla terra.



Altrove nell'Antico Testamento, vediamo che il peccato di una persona può contaminare altre persone o animali a volte (es. Giosuè 7:24-25; Romani 8:19-22). In un senso cerimoniale, forse, gli animali che morirono nel Diluvio potrebbero essere considerati moralmente contaminati a causa della loro associazione con l'umanità. Facevano parte di quel mondo antidiluviano infestato dal peccato.

In sintesi, Dio ha distrutto molti animali nel Diluvio, ma non tutti. In effetti, ha risparmiato molti più animali di quanti ne abbia risparmiati gli umani. Dio ha scelto di ricreare utilizzando un numero limitato di animali, risparmiando solo quegli animali terrestri che ha condotto all'arca. Dopo il diluvio, Dio ha provveduto a una sicura convivenza tra la vita umana e quella animale.



Top