Perché Gesù ha detto: 'Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?'

Perché Gesù ha detto: 'Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?' Risposta



E verso l'ora nona Gesù gridò a gran voce, dicendo: Eli, Eli, lama sabachthani? vale a dire: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Matteo 27:46, KJV). Questo grido è un adempimento del Salmo 22:1, uno dei tanti parallelismi tra quel salmo e gli eventi specifici della crocifissione. È difficile capire in che senso Gesù sia stato abbandonato da Dio. È certo che Dio ha approvato la Sua opera. È certo che Gesù era innocente. Non aveva fatto nulla per rinunciare al favore di Dio. In quanto Figlio di Dio — santo, innocuo, incontaminato e obbediente — Dio Lo amava ancora. In nessuno di questi sensi Dio avrebbe potuto abbandonarlo.






Dice il profeta Isaia del Messia: Certamente egli ha preso il nostro dolore e ha sopportato la nostra sofferenza, eppure lo abbiamo considerato punito da Dio, colpito da lui e afflitto. Ma fu trafitto per le nostre trasgressioni, fu schiacciato per le nostre iniquità; la punizione che ci ha portato la pace è stata su di lui, e per le sue piaghe siamo stati guariti (Isaia 53:4-5). Gesù ci ha redenti dalla maledizione della legge, diventando per noi una maledizione (Galati 3:13). Egli è stato offerto come sacrificio per il peccato ed è morto al nostro posto, a causa nostra, per avvicinarci a Dio. Fu questo, senza dubbio, ad intensificare le Sue sofferenze e parte del motivo per cui Gesù disse: Mio Dio, mio ​​Dio, perché mi hai abbandonato? Fu la manifestazione dell'odio di Dio per il peccato, in qualche modo inspiegabile, che Gesù sperimentò in quell'ora terribile. La sofferenza che ha subito è dovuta a noi, ed è quella sofferenza con la quale possiamo essere salvati dalla morte eterna.



In quei momenti terribili, mentre agli uomini malvagi era permesso di fare ciò che volevano a Gesù, nostro Signore espresse i suoi sentimenti di abbandono. Dio ha posto i peccati del mondo su Suo Figlio e Gesù per un certo tempo ha sentito la desolazione di essere inconsapevole della presenza di Suo Padre. Fu in questo tempo che Dio fece diventare peccato per noi colui che non aveva peccato, affinché in lui potessimo diventare giustizia di Dio (2 Corinzi 5:21).





C'è un'altra possibile ragione per cui Gesù gridi: Mio Dio, mio ​​Dio, perché mi hai abbandonato? Potrebbe essere che l'intento di Gesù nel citare il Salmo 22:1 fosse di indicare ai Suoi ascoltatori quel salmo. Quando avrebbero letto il Salmo 22, avrebbero senza dubbio visto le molte profezie adempiute incluse in quel cantico di Davide. Anche mentre sperimentava l'agonia della croce, Gesù insegnava alle folle e dimostrava ancora una volta di essere il Messia che adempì le Scritture.





Top